Insetti In profondità Animali
Siti partners:
Animali

Cos'è un Insetto

Apparato digerente

apparato digerenteLa grande variabilità dei regimi alimentari degli insetti ha determinato un notevole adattamento alle diverse situazioni trofiche e pertanto molte sono le differenze che si riscontrano nei vari apparati tra Ordini diversi: negli Efemerotteri (insetti la cui vita da adulto è limitata a poche ore)l'intestino ha perso la funzione digerente per assumere quella di organo aereostatico per ampliare le prestazioni di volo. I Fillosseridi hanno l'ultimo tratto dell'intestino atrofizzato, nei Rincoti Diaspini l'intestino è interrotto e dall'ano esce solo urina prodotta dai tubi malpighiani che serve anche per la costruzione dello scudetto protettivo. Nei Cercopidi e negli Afroforidi gli escrementi vengono gonfiati con aria per proteggere gli stadi preimmaginali. Le termiti usano i loro escrementi come materiale cementante e come cibo. Il canale alimentare è costituito da tre parti morfologiche ben distinte: stomodeo, mesentero, proctodeo. Lo stomodeo a sua volta è suddiviso in quattro parti: - Faringe: è il primo tratto dell'apparato digerente, è formata specialmente negli Insetti con apparato succhiante da una muscolatura molto sviluppata che svolge l'azione di pompa aspirante. - Esofago: è un semplice canale che mette in comunicazione la faringe con l'intestino. Alcune specie di Insetti presentano delle dilatazioni a livello dell'esofago, sono chiamate ingluvie e non sono altro che delle zone di deposito temporaneo del cibo, talvolta nell'ingluvie possono avvenire delle predigestione ad opera di enzimi salivari. Nelle api è chiamata borsa melaria perché al suo interno viene prodotto il miele. Nelle formiche assume invece il significato di stomaco sociale. - Ventriglio: è l'ultima sezione dello stomodeo e assume la funzione di triturare il cibo, l'azione meccanica viene compiuta grazie ad una possente muscolatura ed a pliche poste nella parete interna del ventriglio che svolgono un'azione di macinatura del cibo azionata d continue contrazioni muscolari. Il mesentero svolge nella prima parte un'azione digestiva, e nell'ultima un'azione assorbente, in certe specie l'azione assorbente è particolarmente sviluppata grazie ad una serie di diverticoli che ampliano notevolmente la superficie di assorbimento intestinale. Il proctodeo svolge ancora delle piccole azioni digestive e ospita organismi simbionti che facilitano la digestione, è costituito nelle seguenti parti: - Ileo: rappresenta la prima parte del proctodeo. - Colon: spesso si trova dilatato a formare una tasca nella quale avvengono azioni digestive. - Retto: è la parte terminale del tubo digerente e termina con un'apertura anale, nella quale si trovano delle papille rettali che hanno la funzione di riassorbire l'acqua e sali minerali da feci e urine. Bocca Regimi dietetici degli Insetti Gli Insetti presentano una grande varietà di regimi alimentari; fondamentalmente possono essere distinti in eterofagi, fitofagi e zoofagi. Gli eterofagi si nutrono di sostanze sia di origine animale che vegetale, i fitofagi si nutrono di sostanze vegetali, pertanto molti di essi sono responsabili di danni ai raccolti. I fitofagi si dividono in; antofagi, i quali si nutrono di fiori, carpofagi: si nutrono di frutti, fillofagi: si nutrono di foglie, rizofagi: si nutrono di radici, xilofagi: si nutrono di legno, glicifagi: si nutrono di sostanze zuccherine prodotte dalle piante. Gli zoofagi si nutrono di altri animali, alcuni come i necrofagi si nutrono di cadaveri, gli ematofagi si nutrono di sangue, gli altri invece si nutrono di animali vivi. Per allotrofia viene inteso il cambio di regime dietetico durante la vita dell'individuo.

Digestione

La digestione avviene normalmente all'interno del tubo digerente, dove le cellule dell'epitelio producono enzimi digestivi, alcune volte però gli enzimi prodotti per la digestione non sono sufficienti per digerire cibi particolari; è il caso degli xilofagi che per digerire la lignina ricorrono a simbiosi con protozoi e funghi. In altri casi invece la digestione può avvenire all'esterno, è il caso di certi Afidi, Ditteri e Culicidi, i quali generalmente dotati di apparato boccale pungente - succhiante, emettono all'esterno liquidi contenenti enzimi digestivi.